LaCuky LifeMUMstyle

STORIA PICCOLA

ok 1
Nello stile di mammeconstile

“C’era una volta l’infinito,

E dentro l’infinito c’era una galassia,

E dentro la galassia c’era un pianeta.

E dentro il pianeta c’era un continente…”

Inizia così una “Storia piccola” (di Cristina Bellemo e Alicia Baladan, edito da Topipittori), “che di piccolo, però, ha solo il titolo. E di grande ha tutto il resto: parole, immagini, poesia, atmosfera. Una storia grande, grandissima, che racconta la gioia dell’arrivo di un bambino, la sua crescita, il miracolo del suo dispiegarsi alla vita per poi prendere il volo verso il proprio destino, con fiducia, allegria e forza” (tratto dal catalogo 2016 di Topipittori).

Il libro racconta la storia di Beniamino e dei suoi due genitori. Il viaggio di Beniamino inizia dall’attesa del suo arrivo, “l’infinito”, che poi si risolve in un fragoroso “UAAAAAA”, il grido di quando “urlò la sua meraviglia al mondo”.

Cosa c’è di tanto sensazionale nel viaggio della vita di un bambino? Praticamente tutto: dalle sue prime parole fatte di “io”, “sete” e “MAMMAEPAPA’’” alle sue prime emozioni, la “paura”, alle sue prime scoperte. Nel viaggio della vita di Beniamino ci sono anche una Reginamma e un Repapà (sì, perché Beniamino era un Principe!) e ci sono anche le loro emozioni, che vengono raccontate dalle autrici in modo autentico, profondo. Poetico, perché la vita di un bambino è essa stessa poesia.

Ma ogni viaggio che si rispetti, ha un inizio ed una fine. Per il nostro Beniamino, però, la fine di questo viaggio inizia con un ARRIVEDERCI. Arrivederci, Reginamamma e Repapà, perché adesso è giunto il momento, per il vostro Principe, di spiccare il volo. E qui leggiamo: “Ecco, proprio in quell’istante, Reginamamma e Repapà usarono queste precise parole: fai buon viaggio”.

Elisa di Badalù mi aveva avvisato la prima volta che mi ha mostrato “Storia Piccola”. “Attenta Elisa, perchè questo libro è molto molto bello, ma soprattutto fa emozionare”.

Io, che i libri li leggo tutti d’un fiato, questo l’ho letteralmente divorato. Poi, però, mi sono resa conto rileggendolo, che in ogni parola, in ogni frase, in ogni concetto di questo racconto, c’era un mondo. Un mondo di emozioni. Il nostro mondo di emozioni, di noi mamme e papà che con costanza, con forza e con amore, accompagnamo ogni giorno i nostri figli nella scoperta della vita. E che ad un certo punto dobbiamo lasciarli andare.

E’ così che le due autrici raccontano questo mondo di emozioni, con dolcezza con delicatezza e con poesia. Consapevoli che il viaggio della vita si trasforma negli anni, prende nuove strade e crea nuove esperienze. E consapevoli che, prima o poi anche noi ai nostri figli dovremo dire “Arrivederci”.

Il libro è adatto ai bambini con un’età maggiore di 5 anni, ma è così bello, così pieno di emozioni, così dolce che non vorrei privare Giada di questa gioia.

Inoltre è adatto a tutte le mamme a ai tutti i papà che vogliono emozionarsi insieme ai propri cuccioli.

A presto,

LaCuky

Post scritto in collaborazione con Elisa di Badalù, che potete trovare su Facebook (www.facebook.com/badaluracconta) o direttamente al suo indirizzo mail badaluracconta@gmail.com.

Elisa vende online e sarà lieta di darvi tutte le info relative agli acquisti e alle procedure di spedizione.

Rispondi